La qualità nell’arte bianca è qualcosa di sublime, che appaga di ognuno di noi non soltanto il palato, ma anche lo spirito. Meglio se scaturisce da un mix di tradizione ed innovazione, in cui la tecnica si sposa con la creatività. E il principale artefice è sempre il mastro pasticcere che con il suo estro riesce a creare magie di aromi e di sapori. È il caso di Marco Lusso, attuale titolare della pasticceria
caffetteria Luciano. Bargese di adozione, dopo aver girato il mondo con la sua arte proponendo i suoi manicaretti, Lusso ha trovato a Barge quel giusto ambiente che gli consente di esprimere a 360 gradi la sua visione della pasticceria legata al nuovo secolo. Una sua visione prospettica legata al nostro tempo che Marco racchiude in un semplice ed efficace concetto: “Se un tempo si andava a cavallo oggi si va in auto”, quindi occorre saper coniugare la tradizione con le necessità e le richieste del nuovo ritmo di vita. Lusso conosce molto bene i segreti della sua arte, che propone ai clienti attraverso i suoi prodotti eccellenti: pasticceria di varia pezzatura, secca e alle creme, torte,
croissant pluripremiati dalla critica e dalle riviste gastronomiche, focaccia del Monviso, pizza ed infine quella che è una peculiarità unica di Barge, ossia il vero “Bargesino”. Nato nel lontano 1936 ad opera dei Reinaudo, primi proprietari della pasticceria Luciano, noti ai più come “Prucin”, la specialità ha continuato con successo sotto la guida del mastro pasticciere Aurelio Luciano e da oltre un decennio è giunta nelle mani di Marco Lusso. Oggi l’ex pasticceria caffetteria Luciano, ora nuova pasticceria Lusso, ha abbandonato i vecchi locali per una sede più ampia e funzionale in piazza Garibaldi. Le sue squisite prelibatezze possono essere gustate nella piccola piazzetta privata, di fronte al palazzo comunale, dove è stato allestito un gradevole e fresco dehor.